Italia

La polenta: cos'è e dove si usa?

La polenta: cos'è e dove si usa?

Notizie in ambito wine, anteprime e consigli, iscriviti alla newsletter

30/01/2024

La polenta, derivante dal latino puls, farinata di farro, è un piatto con una lunga storia.

Questo piatto è il risultato della cottura prolungata di farina di mais o di altri cereali in acqua, fino a ottenere una consistenza densa e cremosa.

In epoca medievale, questa era una crema ottenuta da fave sminuzzate, olio, cipolle e talvolta cereali come grano saraceno e farro. Da cibo per i meno abbienti, si trasformò nel XVIII secolo con l'introduzione della farina di granoturco, diventando un'icona nelle regioni settentrionali.

La polenta è sempre stata servita come sostituta del pane, contorno o tagliata a fette, abbrustolita o fritta.

 

La preparazione perfetta: la pazienza è l'ingrediente chiave 

La polenta richiede tempo e dedizione per raggiungere la consistenza perfetta.

Versando lentamente la farina in acqua e sale, il segreto risiede nella costante mescolatura con una frusta. La pazienza è essenziale, resistete per almeno un'ora per ottenere quel composto morbido e liscio ideale per accompagnare carne, pesce o formaggi.

 

La scelta della farina

Da circa 400 anni, la farina di mais bramata è la scelta predominante per la preparazione della polenta. L'opzione integrale offre un aroma più intenso, mentre il grano saraceno, preferito nelle valli di Sondrio, dona un colore scuro e una consistenza ideale per formaggi stagionati. Dal mix di farina di grano saraceno e mais nasce la prelibata polenta taragna. Ogni regione, da Nord a Sud, ha la sua preferenza, creando una varietà di sapori da scoprire.

 

L'arte della cottura nel paiolo: un ritorno alle tradizioni

La polenta perfetta è quella preparata nel paiolo, la pentola con bordi alti e fondo convesso in rame o ghisa. Unico nel suo genere, il paiolo distribuisce il calore uniformemente. Nonostante la modernizzazione delle tecniche di produzione questo strumento, semplice ma ancora funzionale, è ad oggi utilizzato per la preparazione di questo piatto, preservando la tradizione.

 

Le varianti regionali: dai monti ai mari

La polenta si esprime in molteplici "colori": dalla nera, con farina di grano saraceno, alla classica gialla, bramata o fioretto.

La polenta taragna, tipica della Valtellina, si accompagna a formaggi e burro, mentre la Biancoperla veneta, preparata con mais bianco, offre un'esperienza delicata e leggera da abbinare al pesce. La polenta fritta, un modo per non sprecare gli avanzi, aggiunge una nota croccante al suo repertorio.

 

Nutriente e versatile

Con soli due ingredienti, acqua e farina, la polenta è un piatto a basso contenuto calorico, ricco di carboidrati e privo di colesterolo. Le farine bio, dalle bramature alle fioretto, offrono un approccio nutrizionale vario.

La polenta si sposa con carne, formaggi, verdure e persino con il pesce, dimostrando la sua versatilità in ogni angolo d'Italia.

La polenta, con la sua lunga storia che risale ai greci, continua a deliziare palati in tutto il mondo.

Oggi, tra i fornelli casalinghi e i menù dei ristoranti, la polenta vive una nuova era di apprezzamento. Che si tratti della ricetta classica o di varianti moderne, la polenta resta un'icona della cucina italiana, un viaggio culinario in una tradizione antichissima.
 

Noi ti consigliamo

Farina per polenta di mais e grano saraceno

Farina per polenta di mais e grano saraceno "La Taragna" Le antiche macine
Farina di mais per polenta istantanea

Farina di mais per polenta istantanea "La Valbreno" Le antiche macine
Farina di riso per polenta 1kg online

Farina di riso per polenta 1kg Pila vecia